Matrimoni 2021

Decreto Legge n. 52 del 21 aprile 2021

Le notizie per la ripartenza dei matrimoni 2021 – Paliamo del Decreto legge del 21 Aprile 2021.

Cerchiamo di far luce su come far ripartire i matrimoni 2021, cosa ci dice il governo e come possiamo comportarci di conseguenza.
Pubblicato in Gazzetta Ufficiale da qualche ora ed ha scatenato immediatamente malcontento tra le coppie di futuri sposi che lo attendevano come una manna dal cielo.

Decreto Legge n. 52 del 21 aprile 2021

Parliamo del Decreto Legge n. 52 del 21 aprile 2021, un provvedimento che prevede la graduale ripartenza delle attività economiche e sociali.
Circolava già la bozza ed era abbastanza chiaro che di matrimoni ed eventi privati non ci fosse nemmeno l’ombra.

La premessa: differenza tra Dpcm e DL

Prima di capire i possibili scenari è importante fare una doverosa premessa: nei giorni scorsi alcune wedding planner hanno dichiarato di utilizzare questo momento di stop per capire un po’ le differenze tra i provvedimenti che il Governo (Conte e poi Draghi), ormai da 14 mesi, sta utilizzando per fronteggiare la crisi.
Permettetemi quindi in apertura di dedicarmi al questo.
Gli strumenti del DPCM e del DL, utilizzati spesso alternati.
Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri è un provvedimento amministrativo mentre il Decreto Legge è un atto normativo che deve passare dal Parlamento per essere ratificato entro 60 giorni altrimenti perde immediatamente efficacia.
Il DPCM è un atto amministrativo di secondo grado quindi di grado inferiore rispetto al Decreto Legge.
Fatte queste doverose premesse veniamo ad oggi.
Il Governo Draghi aveva già annunciato che sarebbe ricorso molto di più allo strumento del Decreto Legge e non ai DPCM (Conte ne ha addirittura abusato secondo alcuni ndr), per una serie di motivi ma essenzialmente perché il DPCM pone anche dei problemi grossi di incostituzionalità.
Non avendo rango di legge primaria di fatto la loro violazione comporta solo una sanzione amministrativa.

Cosa prevede il DL per i matrimoni 2021

Nel Decreto Legge in oggetto sono previste le graduali ripartenze della attività produttive ma non vi è alcun riferimento diretto al wedding e agli eventi privati.
Parlo di riferimento diretto perché al contrario all’art. 1 al comma 1 viene disposto che “fatto salvo quanto diversamente disposto dal presente decreto, dal 1° maggio al 31 luglio 2021, si applicano le misure di cui al provvedimento adottato in data 2 marzo 2021.
Il provvedimento in questione è il DPCM del 2.03.2021 il quale all’art. 16 vietava le feste conseguenti alle cerimonie civili e religiose.

Divieto di festeggiamenti fino al 31 Luglio dei matrimoni 2021

Possiamo quindi affermare che tale divieto richiamato continua la sua validità sino al 31 luglio 2021.
Una questione che sta molto a cuore a tanti futuri sposi è capire se a seguito della cerimonia civile o religiosa, che non sono mai state vietate, si possa in zona almeno gialla recarsi in un ristorante per offrire un pranzo a pochi ospiti.
La risposta ce la offre il nuovo Decreto Legge il quale all’articolo 4 stabilisce che “ Dal 26 aprile 2021, nella zona gialla, sono consentite le attività dei servizi di ristorazione, svolte da qualsiasi esercizio, con consumo al tavolo esclusivamente all’aperto, anche a cena, nel rispetto dei limiti orari agli spostamenti di cui ai provvedimenti adottati in attuazione dell’articolo 2 del decreto-legge n. 19 del 2020, nonché da protocolli e linee guida adottati ai sensi dell’articolo 1, comma 14, del decreto-legge n. 33 del 2020.

Cosa è consentito dal Decreto Legge per i matrimoni 2021

Resta consentita senza limiti di orario la ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive limitatamente ai propri clienti, che siano ivi alloggiati.
 Dal 1° giugno 2021, nella zona gialla, le attività dei servizi di ristorazione, svolte da qualsiasi esercizio, sono consentite anche al chiuso, con consumo al tavolo, dalle ore 5:00 fino alle ore 18:00, nel rispetto di protocolli e linee guida adottati ai sensi dell’articoli 1, comma 14, del decreto-legge n. 33 del 2020.”

Due scenari possibili

La circostanza che venga utilizzata l’espressione “svolte da qualsiasi esercizio” fornisce degli scenari:
1. Apre alle location private che dispongano di autorizzazione alla ristorazione;
2. Apre alle location private che invece usufruiscono dei servizi dei catering.
E’ chiaramente una interpretazione plausibile, a patto che vengano rispettate tutte le regole previste per la ristorazione (servizio al tavolo, orari, numero massimo di persone al chiuso, distanze tra commensali.)
Ovviamente questa interpretazione consentirebbe la somministrazione del pranzo o cena ma senza alcun intrattenimento danzante che trasformerebbe immediatamente il tutto in festeggiamento.
La ratio del divieto espresso dal Dpcm è quella di evitare i contatti e gli assembramenti.
Sarebbe sicuramente auspicabile chiedere a chi di dovere un chiarimento in merito per comprendere se tale interpretazione possa essere plausibile.
Ormai da 14 mesi rappresenta una costante: ogni volta in cui è stato emanato un provvedimento le prime domande che mi giungono sono quelle riguardanti gli stratagemmi per aggirare i divieti.

Le Fake News sui matrimoni 2021

Argomento che mi sta tanto a cuore quanto quello che mi vede impegnata dall’inizio: fornire la corretta informazione e far comprendere quando si è al cospetto di una fake news o di una notizia distorta.
Purtroppo sono tante le notizie che mi giungono di location in giro per l’Italia che stanno tenendo eventi privati in barba ai divieti, comportamento che sicuramente favorisce i “furbetti del quartiere”, che penalizza gli operatori del wedding ed eventi privati Corretti e osservanti delle norme e dei divieti, che non fa altro che contribuire a creare danni su danni ad un settore immobile da 14 mesi.
Siamo d’accordo che non ci sia una data di ripartenza, siamo d’accordo che a Roma si siano completamente dimenticati di noi ma con l’emanazione di questo provvedimento non tutto è perduto.

Il Coprifuoco

Intanto il famoso coprifuoco che tanto sta facendo discutere, sarà in vigore sino al 30 maggio con la possibilità di ampliarlo o eliminarlo in base all’andamento della pandemia.
Ma non solo! Ieri sera la Ministra Gelmini durante la trasmissione “Porta a Porta”, (ma anche in alcune interviste Antonio Tajani), ha dichiarato che si continuerà a lavorare per far ripartire anche il settore dimenticato dei matrimoni e che da metà maggio potremmo avere delle novità.
Questo significa che potranno essere apportate delle modifiche al Decreto Legge e che verosimilmente potremo avere delle notizie anche in merito all’approvazione del protocollo relativo.

Considerazioni

Chiudo questo post con una considerazione: sono avvocato da più di 10 anni, per arrivare ad esserlo il percorso da intraprendere, che inizia con la laurea in legge, è lungo e tortuoso.
Si passa da una tosta pratica forense e da un esame di stato da incubo ed anche una volta in possesso del titolo non si smette mai di studiare.
Nonostante l’esperienza ormai maturata, ogni volta che sono al cospetto di una questione giuridica o di un provvedimento ho bisogno di tempo per studiare il tutto per comprendere al meglio.
Perché vi dico questo? 
Non è possibile diventare da un giorno all’altro esperti di diritto, cercate quindi sempre di capire la fonte da cui vi arrivano le notizie: ogni professionista deve esprimersi solo quando la questione è afferente alla sua esperienza ed al suo lavoro altrimenti rischia di diffondere contenuti errati che creano in chi li legge solo tanta confusione.
Non è facile comprendere e collegare tutti i rinvii di un provvedimento e soprattutto interpretare richiede delle competenze che scaturiscono da una preparazione ad hoc.
Mi chiedete spesso “Michela sei ottimista? Come vedi il futuro dei matrimoni?”
Ebbene si, continuo ad essere ottimista nonostante tutto.  Credo un settore così importante avrà presto non solo la data di ripartenza ma anche il giusto riconoscimento a livello nazionale.
Per essere sempre aggiornata sugli sviluppi dei matrimoni 2021 seguimi sui social e leggi il mio Blog
Per avere un supporto per l’organizzazione del tuo matrimonio, puoi sempre avvalerti del servizio di Wedding Concierge masso a disposizione da wedding Style Diary.
A presto
Michela

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Top Reviews

Altre storie
foto latitutidine
Il fotografo per il matrimonio, la chiave per captare momenti unici