Matrimonio Civile, come organizzarlo.

dai documenti alla location: le linee guida.

In un periodo che è quello dedito ai matrimoni parliamo di matrimonio civile.

Questo giro di Valzer, sul nostro magazine lo dedichiamo al matrimonio civile:

Come si organizza

√ Gli step burocratici da seguire

√ Che opzioni comporta

√ La celebrazione in location 

Come dicevamo, questo è il periodo più gettonato per i matrimoni, sopratutto quest’anno che vede protagonisti anche tutti gli sposi che a causa del #covid19 hanno dovuto rimandare il loro matrimonio, ma che quest’anno finalmente stanno realizzando il loro sogno.

A tutte queste coppie gli auguri dalla nostra redazione, sono doppi; sappiamo quanto è stato difficile e nel nostro piccolo, abbiamo riorganizzato con voi e abbiamo tenuto il fiato sospeso per voi.

Tutto comincia dal Rito.

Questo però è anche periodo di  programmazione per il prossimo anno,  infatti che voi sposine 2022 vi state già guardando in torno, state già mettendo mano alla vostra pianificazione…

come lo sappiamo??

Siamo un po’ streghe anche noi!!!

Noooo non è per questo (un po’ si, ma non dirlo a nessuno), visto che siamo di fondo studiosi del mercato del matrimonio e visto che state scaricando il nostro planner gratuito, come se non ci fosse un domani e state anche intasando la casella mail della nostra Wedding Concierge; una idea di cosa state facendo per il vostro matrimonio ce la siamo fatta.

Allora ci siamo chiesti: 

• Qual’è una delle prime domande, nonché preoccupazioni di una sposa che comincia a pianificare al millesimo, il giorno più bello della sua vita? 

Capire come ci si deve movere per organizzare la parte burocratico del matrimonio.

Senza sapere quello, non si può partire.

•  E qual’è la prima decisione che la coppia di neo futuri sposi deve prendere?

Che tipo di rito si vuole scegliere per il matrimonio: 

Rito civile, Religioso o simbolico.

Il Rito civile: l’iter burocratico

Abbiamo scelto approfondire in questo post il rito civile e l’iter burocratico che ne consegue, in quanto la procedura che c’è per il rito civile, andrà comunque seguita anche se si sceglie il rito religioso.

(in questo modo prendiamo 2 piccioni con una fava)

Che documenti servono per il rito civile

I documenti richiesti per il rito civile e per quello cattolico sono gli stessi: 

Atto di nascita, 

• Certificato contestuale (certificato di stato libero, cittadinanza e residenza), documento di identità, 

Modulo di richiesta pubblicazione, 

Eventuale richiesta di matrimonio in un altro comune.

Sentenza di divorzio (di entrambi o di un solo futuro coniuge)

Certificato di morte nel caso che uno dei due o entrambi i futuri sposi siano vedovi.

Il matrimonio concordatario: 

Dal 1929, dal Concordato Lateranense stipulato tra lo Stato italiano e la Santa Sede, successivamente rivisto con  “l’Accordo di revisione del Concordato lateranense” del 1984; lo stato Italiano riconosce gli stessi effetti del matrimonio civile, a chi sceglie di sposarsi con rito cattolico. 

Questo però a condizione che il matrimonio sia celebrato dinanzi al ministro del culto cattolico e disciplinato dal diritto canonico (cioè dal diritto della Chiesa cattolica) e che sia trascritto nei registri dello stato civile.

Per cui se scegli il matrimonio cattolico, non avrai bisogno di fare la doppia celebrazione ossia Rito civile più rito religioso.

Se scegli  invece un rito simbolico o matrimonio di altro culto religioso dovrai necessariamente fare il doppio passaggio: Rito civile più il rito con il quale hai scelto di far celebrare il matrimonio.

Diversamente, affichè il matrimonio sia valido legalmente, dovrete sposarvi anche civilmente davanti all’ufficiale di stato civile.

La promessa di matrimonio

Una volta reperiti tutti i documenti, dovrete portarli all’ufficio comunale preposto, a quel punto l’impiegato comunale riempirà i moduli per la richiesta e fisserà la data per la promessa.

La promessa di matrimonio è un istituto giuridico previsto in Italia dal codice civile italiano del 1942, dagli artt. dal 79 all’81.

É la dichiarazione di volontà dei futuri sposi di volersi sposare e di volor quindi procedere con le pubblicazioni.

Questa viene fatta dai futuri sposi davanti all’ufficiale dello stato civile del comune di residenza.

Non occorre nemmeno la presenza di entrambi gli sposi in quanto basta uno soltanto di essi munito di delega. 

Dopo fatta la promessa di matrimonio, verranno fatte le pubblicazioni che saranno affisse all’albo pretorio del comune per 8 giorni.

Il matrimonio per legge potrà essere e celebrato già dopo 3 giorni dalla scadenza del periodo delle pubblicazioni e non dovrà essere celebrato invece, dopo più di 180 giorni, altrimenti è tutto da rifare.  

I costi per il matrimonio civile

I costi per tutto l’iter burocratico del rito  civile, sono contenuti.

In realtà pagherete € 16,00 per ciascuna marca da bollo che vi occorrerà e potranno essere una o due a seconda se siete residenti nello stesso comune oppure no.

Come  hai visto la procedura per il rito civile del matrimonio non è complicato!

Conoscere i tempi e le cose da fare, ti sarà d’aiuto nel progetto di pianificazione, sopratutto per quello che riguarda i tempi.

Il rito civile celebrato in location

Negli ultimi anni, dati ISTAT alla mano i matrimoni civili sono in netto aumento rispetto al passato.

Non vogliamo qui soffermarci sulle motivazioni, in quanto riteniamo che sia una scelta assolutamente personale ed inopinabile.

(anche se ci farebbe piacere sapere su quali criteri hai fondato la tua scelta per un matrimonio civile religioso o di altra natura. Se vuoi condividere il tuo pensiero con noi e darci una mano con le nostre ricerche, ti prego di non esitare a scriverci a redazione@weddingstylediary.it).

Se hai scelto il rito civile vediamo come e quando puoi celebrarlo direttamente nella location dove ti sposi. 

Rito civile i vantaggi di celebrarlo in Location

Se hai scelto di avere un rito civile, certamente avrai pensato alla possibilità di celebrarlo direttamente nella location dove ti sposi.

Questa scelta porta con se un grande vantaggio: riduce gli spostamenti al minimo per gli sposi e per gli ospiti.

Ma ne ha anche un altro, che riteniamo sia importante, ovvero riduce i costi del budget.

Per l’allestimento, se il fiorista e l’allestitore possono fare tutto in un unico luogo, senza doversi spostare e  non spedare tempo e risorse, certamente questo ti aiuterà almeno un po’, sul budget e sulla gestione del tempo – e credici, in qual giorno ogni minuto è prezioso -.

La location deve essere Casa comunale.

Per poter celebrare un vero rito civile nella location del matrimonio, devi assicurarti che sia una casa comunale.

Andiamo per ordine e chiariamo bene questo punto, per arrivare preparata alla scelta della location.

Come previsto dall’art 106 del codice civile: Il matrimonio deve essere celebrato pubblicamente nella casa comunale davanti all’ufficiale dello stato civile al quale fu fatta la richiesta di pubblicazione.

Questo significa che la location che scegli deve essere riconosciuta dal comune come luogo deputato ed autorizzato a celebrare matrimoni.

Come fai a sapere se la location è casa comunale?

Una brava pianificatrice si pone questo tipo di domande, per non disperdere tempo ed energie in ricerche inconcludenti,  per cui brava!!! 

Abbiamo capito che il matrimonio civile non si può celebrare in ogni dove (come spesso si pensa), ma ha bisogno di un posto autorizzato.

I comuni hanno degli elenchi dove sono riportate tutte le location autorizzate allo svolgimenti del rito covile del matrimonio per cui No Panic!

Come procedere nella scelta 

Una volta individuata  l’area geografica dove vi volete sposare, puoi passare all’azione. 

  • Fai un elenco di tutti i comuni che sono nella zona che avete scelto per il matrimonio
  • Vai sul sito di ogni comune e consulta l’elenco delle location autorizzate.  Attenzione, alcuni comuni molto piccoli a volte non hanno dei siti o portali super WOW per cui potresti non trovare l’elenco. In questo caso hai 2 opzioni:

1) Scrivi una mail all’ufficio matrimoni del comune in questione

2) Telefoni direttamente all’ufficio matrimoni. In entrambi i casi  chiedi di farti mandare l’elenco delle location via

mail…et voilà!

  • Una volta che hai tutti gli elementi, comincia a fare una selezione delle location che potrebbero fare al caso tuo.
  • A quelle che ti piacciono, scrivi una mail e fatti mandare le informazioni base.
  • Delle location rimaste dalla tua selezione, prendi appuntamento e valle a vedere di persona.

Il Consiglio della Wendy

(Le nostre lettrici più fedeli sanno che “Wendy” su questo blog, sta per Wedding Planner…LOL)

Il consiglio che sentiamo di darti è quello di non riempire la tua agenda di appuntamenti in giro a vedere  location.

Forse ti sembrerà strano che ti suggeriamo questa cosa, ma credici è molto funzionale.

Impegnare tutti i week end in giro per location, può essere stressante e non utile. Alla fine potresti ritrovarti con una montagna di preverti ed opzioni e tanta tanta confusione.

Per questo il lavoro di analisi e scrematura a monte è estremamente importante.

Se riuscirai ad organizzare bene questa prima fase, la lista delle location da andare a vedere si ridurrà drasticamente e sicuramente tra quelle che visiterete ci sarà quella perfetta per voi.

Rito civile nelle sale comunali

Se nessuna location ti ispira per celebrare la parte più importante del matrimonio, puoi sempre optare per una delle sale che il comune mette a disposizione. 

Ci sono dei comuni che hanno a disposizione delle sale veramente meravigliose! 

Non sottovalutare questa opzione! piuttosto che accontentarti, valuta tutte le strade a tua disposizione. 

Visita le sale comunali.

Per vedere i luoghi che il comune mette a disposizione per la celebrazione dei matrimoni, non dovrai far altro che prendere appuntamento.

Ogni comune, ovviamente ha le sue procedure e tempi diversi nella gestione degli appuntamenti, tu chiama e chiedi tutte le info del caso.

Mentre aspetti il tuo turno per la visita, puoi dare un’occhiata on line e vedere se ci sono immagini delle sale che andrai a visitare, così da farti già un’idea. 

Chi celebra il matrimonio con rito civile

Parliamo ora del celebrante, si perchè anche per questo aspetto ci sono cose che devi sapere, per fare una scelta consapevole e non lasciare nulla al caso. 

Il rito civile del matrimonio lo celebra l’ Ufficiale dello Stato Civile, questo prevede la legge.

Chi è l’ufficiale di stato civile?  

 Il Sindaco di ogni comune è l’ufficiale di stato civile, ovvero rappresenta lo stato nello svolgimento delle sue funzioni.

Le legge italiana prevede che questa funzione può essere delegata ( D.P.R. 3 novembre 2000, n. 396), per cui il sindaco può autorizzare un consigliere comunale, un impiegato comunale o altra persona a svolgere questo compito.

Vorremmo soffermassi la tua attenzione sull’espressione “…o altra persona…” sai cosa significa??

Il matrimonio celebrato da un* amic*

Una persona a voi cara, come un* amic* un parente (ma non il linea diretta) o un celebrante che vi piace, possono celebrare il matrimonio.

Occorre però che il Sindaco faccia loro la delega.

Sebbene questa sia un’opzione veramente fantastica, perchè diciamocelo; cosa c’è di più emozionante che essere sposati da una persona che vi conosce alla perfezione e con la quale c’è un legame affettivo? 

Te lo diciamo noi: niente!!

Questo ufficio va preso con serietà, per cui la persona designata avrà una responsabilità molto importante. 

Oltre al discorso, che vi farà piangere o ridere a seconda del “personaggio” il vostro personalissimo ufficiale di stato civile, dovrà leggere gli articoli di legge ed adempiere a tutti i doveri che questo ruolo comporta. 

Le caratteristiche indispensabili per officiare il rito civile

La persona che dovrà celebrare il rito dovrà necessariamente essere maggiorenne e godere di tutti i diritti civili e politici.

Non tutti possono celebrare il rito civile. Attenzione a non farti prendere da facili entusiasmi!

Se è vero che la legge permette ai sindaci di delegare questa mansione ad altre persone, è vero anche che pone dei limiti.

La legge dice che “…L’ufficiale dello stato civile non può ricevere gli atti nei quali egli, il coniuge, i suoi parenti o affini in linea retta in qualunque grado, o in linea collaterale fino al secondo grado”

Cosa significa?

Significa che un vostro parente stretto non può officiare la cerimonia.

Per cui dacci dentro con la lista degli amici!

Scherzi a parte, se hai dubbi sul grado di parentela con una persona che vorresti come officiante, ti consigliamo di chiedere direttamente all’ufficio comunale che segue la tuo pratica; così da dissipare ogni possibilità d’errore.

Come sempre ci auguriamo che il nostro articolo ti sia stato d’aiuto!

Sappiamo bene che le cose da sapere per il matrimonio sono veramente tante e cerchiamo, nel nostro piccolo, di fare ordine e di darti supporto per affrontare questo meraviglioso percorso nel modo più sereno ed informato possibile.

Condividi questo articolo con le persone che sai possono trarne beneficio, ma anche semplicemente CONDIVIDI perchè nei tuoi contatti potrebbe esserci qualcuno a cui potrà essere utile, ma semplicemente non lo sai!

Se ci sono argomenti che ti stanno particolarmente a cuore, faccelo sapere! La nostra redazione è sempre  aperta ai suggerimenti; puoi scriverci al nostro indirizzo di posta diretto: redazione@weddingstylediary.it

La pianificazione è la fase più delicata di tutto il percorso di preparazione al grande giorno, per questo abbiamo messo a tua disposizione una risorsa gratuita che può aiutarti la trovi QUÌ.

Entra in associazione

Tra le cose che volevamo segnalarti c’è l’APS “Il Matrimonio di Grace” è la prima associazione italiana pensata per le spose.

Entrare in questa associazione ti aprirà un mondo,

  • Avrai la possibilità di incontrare altre spose come te, che stanno facendo il tuo stesso percorso.
  • Avrai accesso a consulenze con i professionisti  che ti aiuteranno a gestire il tuo percorso di a livello pratico che emotivo.
  • Potrai partecipare agli eventi on line e affrontare-line che l’associazione organizza da Nord a Sud dello stivale.
  • Renderà il tuo viaggio verso il matrimonio una codierà a 5 stelle.

Se vuoi saperne di più, compila il FORM GRATUITO, ti forniremo tutte le informazioni!!

 

Credits:

Location: Tenuta “La Torretta” 

Photo: In Bianco e Nero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Top Reviews

Altre storie
pettinature autunno2017
Come scegliere l’acconciatura da sposa più giusta per il proprio viso.